Menu Principale

Periodo VI B1, Bronzo Antico I (3000-2900 a.C.)

home

Ad Arslantepe la tradizione protourbana si interruppe intorno al 3000 a.C. (periodo VI B1); il crollo degli edifici pubblici della fine del IV millennio fu ricoperto con strati di fango pulito. Nella vasta area così ricavata furono innalzate capanne quadrangolari con gli angoli arrotondati e costituire da un solo ambiente; il pavimento era solitamente ad un livello leggermente inferiore del piano di calpestio, ricoperto da uno strato di intonaco di fango. L'intelaiatura dei muri era composta da file di pali diseguali inseriti in canalette e le pareti formate da canne rivestite d'argilla. Il villaggio fu definitivamente distrutto da un incendio che determinò la formazione di uno spesso strato di resti carbonizzati associati a residui di legno riconoscibili anche nelle aree esterne alle strutture domestiche. La presenza di tali resti fa supporre l'esistenza di tettoie e recinti nelle aree aperte, per il ricovero degli animali domestici e per lo svolgimento delle attività quotidiane. Nella parte meridionale del villaggio è stato esposto un edifico, composto da quattro vani affiancati, che si differenzia delle tipiche capanne presenti più a nord, sia per quanto concerne la tecnica costruttiva, sia per la sua forma: la struttura è infatti interamente realizzata in mattoni crudi (compreso il livello pavimentale) e ha una forma rettangolare. Gli unici indizi circa la possibile circolazione interna provengono da un unico vano che comunica con le stanza ad esso adiacenti attraverso due passaggi contrapposti; le altre stanza non presentano vie d’accesso e sono separate tra loro e non accessibili dall'esterno. Per la sua forma e per la caratteristica tecnica costruttiva sembra che questo edificio non fosse destinato ad uso domestico, ma probabilmente rivestiva una funzione particolare.

home

Il cambiamento determinato dal crollo del sistema palatino e dall'arrivo di gruppi trans caucasici è visibile non solo nell'architettura che muta radicalmente rispetto al periodo precedente, ma è osservabile anche nell'ambito della produzione ceramica; nei livelli ascrivibili all'inizio del Bronzo Antico I la ceramica infatti è fatta a mano, le superfici sono lucidate (rosse e nere) e si nota un a drastica diminuzione delle forme, le quali sono riconducibili a quelle transcaucasiche. Scompaiono inoltre gli elementi caratteristici della struttura socio-economica precedente, come l'uso dei sigilli o la fabbricazione di massa di ciotole. La trasformazione strutturale della società di Arslantepe tra le fasi finale del Tardo Calcolitico e l'inizio del Bronzo Antico sembra essere dipesa anche dallo stanziamento, sulle rovine degli edifici pubblici precedenti, di gruppi nomadici di derivazione est-anatolica/trans caucasica, la cui comparsa nello scenario del periodo VIA potrebbe aver accelerato la fine della struttura protourbana, forse già in crisi per motivi interni.I livelli di occupazione di questa fase presenti ad Arslantepe rappresentano un episodio di durata limitata, circa un secolo, ma di portata enorme, dal momento che lo stanziamento di nuovi gruppi sul tell interrompe per sempre il processo di urbanizzazione di tipo mesopotamico e segna l'inizio di nuovi rapporti con le regioni nord-orientali dell'Anatolia, che influiranno fortemente sugli sviluppi dell'Antica Età del Bronzo.

Il villaggio è molto simile a quelli della Turchia nord-orientale e delle zone a sud del Caucaso comprese tra i fiumi Kura e Arax e occupate da comunità di villaggio dal Calcolitico all’ Antica Età del Bronzo. La cultura di questi gruppi è stata definita est-anatolica/trans caucasica e tracce di tale cultura si ritrovano anche in Palestina, anche se riferibile ed epoche poco più tarde.

Messaggio di errore

User warning: The following module is missing from the file system: imagcache_actions. For information about how to fix this, see the documentation page. in _drupal_trigger_error_with_delayed_logging() (line 1138 of /opt/webhost/arslantepe/includes/bootstrap.inc).