Menu Principale

Tomba Reale

Home

Sulla collina di Arslantepe sono state trovate poche sepolture appartenenti soprattutto al periodo Calcolitico (periodo VII) e al Bronzo Antico II e III (periodi VI C e VI D). Nel 1996, tuttavia, alla periferia ovest di quella che era stata l'area pubblica nel IV millennio, è stata messa in luce l'imponente tomba appartenente ad un personaggio importante, quasi sicuramente un capo, riconoscibile come tale dalla straordinaria profusione di oggetti in metallo - rame arsenicato, argento, oro e una particolarissima lega di rame e argento - e dal rituale che aveva accompagnato la sua sepoltura. Questa tomba, datata al 3000 a.C., costituisce per ora la più antica testimonianza di tomba reale conosciuta. La tomba vera e propria consisteva in una cassa di grandi lastre di pietra (tomba a cista) costruita sul fondo di un'ampia fossa di circa 5 metri di diametro. Il defunto, un uomo tra i 35 e 45 anni di età, giaceva in posizione rannicchiata sui resti di una tavola usata per trasportarlo .Il corredo è ricchissimo: due spilloni in argento e due collane di perle di cornalina, cristallo di rocca, oro e argento si trovavano nei pressi della spalla e del collo del defunto, mentre tracce di stoffa e tante perline di pietra dovevano far parte di un velo o un sudario.

Gli altri oggetti di metallo (armi, strumenti, ornamenti e vasi di rame, rame arsenicato, argento, oro e una lega di argento e rame) erano raggruppati dietro la schiena del defunto, ad eccezione di sette lance disposte attorno alla testa lungo le pareti della tomba. Il signore aveva un diadema in lega rame-argento decorato a sbalzo che però non portava sul capo, ma era ripiegato e deposto sul mucchio di oggetti dietro la schiena a simboleggiare il suo alto rango. Le olle erano deposte ai piedi, mentre piccoli vasi di ceramica rosso-nera e uno in ceramica rossa di tipologia particolare erano collocati vicino alla testa. La collocazione rispecchiava forse una diversa funzione dei contenitori, con le olle usate come riserva di cibo per il defunto e i vasi piccoli come servizio da mensa. Sui due enormi blocchi di pietra della copertura della cista, erano stati sepolti (o lasciati morire) quattro adolescenti. Un ragazzo e una ragazza di 14-16 anni erano deposti uno di fronte all'altra sulle lastre di chiusura della cassa e portavano ornamenti personali in rame e argento e, sul capo coperto da un velo, un diadema in lega rame-argento simile a quello del signore nella cista; gli altri due scheletri di ragazze (13-15 anni) erano posti ai piedi dei primi due, fuori dall'area della cassa in pietra, e privi di corredo. Tutti i corpi erano in posizione scomposta e innaturale, e gli scheletri conservavano le tracce di ematomi e fratture in corso di saldatura, segno di violenze subite poco prima della morte o in occasione della sepoltura. La scena che si può ricostruire è quella di una sepoltura di un uomo di alto rango, accompagnata da sacrifici umani.

Home

I monili indossati dai primi due giovani suggeriscono che anch'essi fossero di rango superiore, forse appartenenti al gruppo familiare del defunto. Nella tomba si trovano vasi fatti al tornio appartenenti alla tradizione locale dell'epoca del palazzo e vasi di ceramica rosso-nera di tipo transcaucasico. Anche gli oggetti di metallo mostrano legami con il nordest anatolico. La sepoltura appartiene al momento iniziale dell’età del bronzo ossia al periodo del collasso dell'economia palaziale e della comparsa di un nuovo tipo di abitato con acropoli fortificata (periodo VI B2). Essa riflette la formazione di una nuova società priva del controllo centralizzato delle le attività e con un nuovo tipo di potere che sottolinea, nei riti funerari la ricchezza e le prerogative guerriere. L’insieme delle tracce archeologiche suggerisce che i gruppi pastorali transcaucasici, già presenti nel territorio, abbiano approfittato del tracollo dell'organizzazione palaziale per prendere il sopravvento. Tuttavia, il nuovo capo, straniero o un erede della gerarchia palatina, conserva i costumi della precedente grande epoca di Arslantepe.

Messaggio di errore

User warning: The following module is missing from the file system: imagcache_actions. For information about how to fix this, see the documentation page. in _drupal_trigger_error_with_delayed_logging() (line 1138 of /opt/webhost/arslantepe/includes/bootstrap.inc).