LA TERRA SONORA - Il Teatro di Peter Handke

Seminari, letture, spettacoli, laboratori, traduzioni e pubblicazioni

un progetto a cura di Valentina Valentini e Francesco Fiorentino
in collaborazione con SCUOLAROMA - coordinamento Daria Deflorian
con il contributo di Centro Teatro Ateneo | Sapienza Università di Roma | Università Roma Tre | Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture straniere, Istituto Italiano di Studi Germanici | Forum Austriaco di Cultura di Roma | Goethe Institut | Teatro Biblioteca Quarticciolo

DOMINIO PUBBLICO
RAI-RADIO3
ATCL
RIALTO SANTAMBROGIO
organizzazione e comunicazione PAV
documentazione video a cura del Centro Teatro Ateneo

 

Peter Handke scrittore si accosta molto presto al teatro. E' attraverso gli Sprechstucke (pezzi teatrali parlati) che lo scrittore austriaco disfa ogni idea tradizionale di concepire il teatro: non ci sono azioni, non c'è storia, nè dialogo, protagonista è la parola come ultima, ed unica, realtà che può essere rappresentata. Handke non ha mai smesso di scrivere per il teatro, ma la maggior parte dei suoi testi non è stata pubblicata in Italia:

da qui l'obiettivo di questo progetto è restituire una visione completa della sua produzione, traducendo e pubblicando i suoi testi, mettendoli in scena e interrogandoli in modi e con linguaggi diversi.

Tra i molti riconoscimenti, nel 2014 gli è stato conferito il premio Ibsen per il teatro.

La terra sonora, il teatro di Peter Handke si estende in un arco di tempo che va da settembre 2013 a novembre 2014. Durante il Festival Short Theatre 2013 si è avviato con il il debutto dello spettacolo Autodiffamazione per la regia di Werner Waas. Da allora si è articolato in diversificate attività didattiche e di ricerca: giornate di studi con esperti italiani e stranieri, attori e registi sulla produzione teatrale di Peter Handke; workshop di traduzione svolti con dottorandi e studenti di germanistica di Roma 3 e della Sapienza coordinati da Francesco Fiorentino e Camilla Miglio; laboratori con studenti, cittadini e professionisti condotti da attori, coreografi e registi di SCUOLAROMA/rete didattica per le arti performative contemporanee a Roma, finalizzati a sperimentare, con vari linguaggi e mezzi espressivi una relazione con il mondo-teatro di Peter Handke.

Dopo mesi di incontri, laboratori, prove e approfondimenti il progetto ha prodotto a maggio 2014 quattro appuntamenti che si aprono alla città con quattro diverse visioni:
Così nascono:
- la mise en espace Kaspar, firmata da Werner Waas, Iacopo Fulgi e Nicola Danesi De Luca
- l’inedito RedReading #7 Quando il bambino era bambino a firma di Tamara Bartolini e Michele Baronio
- i laboratori con gli studenti dell’Università “Sapienza”: Handke Camp a cura di Fabrizio Arcuri, Fiora Blasi, Daria Deflorian, Caterina Inesi e Lorenzo Letizia e L'ora in cui non sapevamo niente uno dell'altro, un progetto di Veronica Cruciani, Michele Di Stefano/mk, Muta Imago

 

Tra settembre e novembre 2014, a conclusione del progetto, oltre al convegno internazionale, sarà possibile non solo vedere alcuni dei testi storici dello scrittore austriaco (Insulti al pubblico, Kaspar nella sua versione definitiva e ancora una volta Autodiffamazione) ma soprattutto letture, mise en espace e versioni radiofoniche di testi inediti in Italia.

Chiuderà il progetto un omaggio ad Handke di Alvin Curran e Ossatura.

 

SETTEMBRE 2014

Short Theatre

La Pelanda. Centro di produzione culturale

 

7 settembre ore 19.00

Accademia degli Artefatti

Insulti al pubblico

di Peter Handke

traduzione di Enrico Filippini

con Daria Deflorian e Pierarlo Girotto

regia di Fabrizio Arcuri

(ripresa spettacolo 2006)

 

10 settembre ore 18.00

Presentazione della collana di testi teatrali di Peter Handke

Quodlibet editore

Francesco Fiorentino (Università Roma 3), Valentina Valentini e Camilla Miglio (Sapienza Università di Roma), Stefano Verdicchio (casa editrice Quodlibet) e i traduttori dei testi (laureandi magistrale e dottori di ricerca/dottorandi Università Roma3 e Sapienza)

 

11 settembre ore 18.45

Wass/Danesi/Fulgi

Kaspar

di Peter Handke

traduzione di Werner Waas

con Werner Waas, Nicola Danesi de Luca e Iacopo Fulgi

www.shorttheatre.org

 

NOVEMBRE 2014

Autorium Goethe Institut

Convegno Internazionale

Peter Handke e il Teatro

A cura di Francesco Fiorentio, Camilla Miglio, Valentina Valentini

 

20-21 novembre 2014

Gothe Institut Rom

Università di Roma3- Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture straniere, Centro Teatro Ateneo Sapienza di Roma nell'ambito del progetto

La Terra Sonora. Il Teatro di Peter Handke

Con la partecipazione di: Helga Finter,  Daria Deflorian,  Werner  Waas,  Giovanni Spagnoletti,Valentina Valentini, Francesco Fiorentino, Hans Höller, Helmut Moysich, Camilla Miglio, i traduttori dei testi, Roberto Menin, Paolo Scotini, Franz Haas, Attilio Scarpellini, Riccardo Caporossi.

Letture, mise en space e spettacoli

 

Lunedi 17 novembre ore 19.00

Forum austriaco di cultura

Warum die kuche?/Perchè la cucina?

Warum die kuche?/Perchè la cucina?

di Peter Handke

traduzione di Linn Settimi

lettura a cura di Federica Santoro Luca Tilli e Dario Salvagnini

Martedì 18 novembre ore 21.00

Argot studio/Dominio Pubblico

mise en space

Daria Deflorian/Attilio Scarpellini

Die schönen Tage von Aranjuez: ein Sommerdialog/I bei giorni di Aranjuez

di Peter Handke

traduzione dalla versione francese dell'autore di Attilio Scarpellini

con Daria Deflorian e Attilio Scarpellini

disegno del suono dal vivo di Stefano De Ponti

a cura di Daria Deflorian

 

Mercoledì 19 novembre ore 19.00 (replica)

mise en space

Daria Deflorian/Attilio Scarpellini

Die schönen Tage von Aranjuez: ein Sommerdialog/I bei giorni di Aranjuez

 

Mercoledì 19 novembre ore 21.00

Radio3/Tutto esaurito

via Asiago, 10 - Roma

Untertagblues: ein Stationendrama/Blues della metropolitana

di Peter Handke

traduzione di Stefania De Lucia
con Maurizio Donadoni e Veronica Cruciani

drammaturgia sonora di Riccardo Fazi (muta imago)
a cura di Veronica Cruciani

 

Giovedì 20 novembre ore 21.00

Argot studio/Dominio Pubblico
Immer noch sturm/Sempre ancora tempesta

di Peter Handke

traduzione di Ylenia Carola e Angela Scròfina (revisione di Paolo Scotini)

lettura di Antonio Tagliarini
I episodio
Presentazione a cura di Sergio Lo Gatto

 

Venerdì 21 novembre

Argot studio/Dominio Pubblico

ore 19.00

Immer noch sturm/Sempre ancora tempesta
di Peter Handke, traduzione di Ylenia Carola e Angela Scròfina (revisione di Paolo Scotini)

lettura di Daniele Timpano/Elvira Frosini

II episodio

 

ore 21.00

Argot studio/Dominio Pubblico

Compagnia Barletti/Waas

Selbstbezichtigung/Autodiffamazione

di Peter Handke

traduzione di Werner Waas

un progetto di Lea Barletti e Werner Waas

con Lea Barletti e Werner Waas

musica: Harald Wissler

 

Sabato 22 novembre

Argot studio/Dominio Pubblico

ore 19.00

Immer noch sturm/Sempre ancora tempesta

di Peter Handke

traduzione di Ylenia Carola e Angela Scròfina (revisione di Paolo Scotini)

lettura a cura di Lisa Ferlazzo Natoli

II episodio

 

ore 21.00 (replica)

Argot studio/Dominio Pubblico

Compagnia Barletti/Waas

Selbstbezichtigung/Autodiffamazione

 

Domenica 23 novembre

Argot studio/Dominio Pubblico

ore 18.00 (replica)

Compagnia Barletti/Waas

Selbstbezichtigung/Autodiffamazione

 

Domenica 23 novembre

Rialto Santanbrogio

ore 22.00

ALVIN CURRAN + OSSATURA

Durata X

Composizione istantanea per quattro improvvisatori e voci recitanti pre-registrate

Alvin Curran - campionatore

Elio Martusciello - computer

Luca Venitucci - piano, fisarmonica

Fabrizio Spera - percussione

 

Messa in onda della versione radiofonica

Radio Tre/ Tutto Esaurito

Daria Deflorian/Attilio Scarpellini

Die schönen Tage von Aranjuez: ein Sommerdialog/I bei giorni di Aranjuez

traduzione dalla versione francese dell'autore di Attilio Scarpellini

con Daria Deflorian e Attilio Scarpellini

disegno del suono di Stefano De Ponti

a cura di Daria Deflorian
 

La parte didattica e performativa del progetto è a cura di SCUOLAROMA, rete che informa e promuove le pratiche di formazione condotte, organizzate e condivise da un gruppo di artisti e di compagnie di area romana. Caratteristica comune è che si tratta di artisti che sono attivi da diversi anni nella creazione di spettacoli e che nel loro insegnamento intrecciano domande concrete legate alla pratica scenica. Le singole attività didattiche sono gestite autonomamente, ma la rete intende nel tempo consolidare un filo rosso che le attraversa. Fanno parte di SCUOLAROMA: Accademia degli Artefatti/Fabrizio Arcuri, Alessandra Cristiani, amnesiA vivacE/Daniele Timpano, Antonio Tagliarini, Blutopia/Fiora Blasi, Daria Deflorian, Gianni Staropoli, Habillé d’eau/Silvia Rampelli, Immobile Paziente/Caterina Inesi, Kataklisma/Elvira Frosini, Lisa Ferlazzo Natoli/lacasadargilla, MK, Sistemi Dinamici Altamente Instabili/Alessandra Sini,  teatrodelleapparizioni/Fabrizio Pallara, Teatro Forsennato/Dario Aggioli/Andrea Cosentino, Tony Clifton Circus, Veronica Cruciani, Federica Santoro, Tamara Bartolini.