INTEGRARE LA DISABILITÀ

Martedì, 16 Maggio, 2017
Nonostante negli ultimi quarant’anni in Europa il quadro normativo volto a garantire pari opportunità e diritti alle persone con disabilità si sia fortemente evoluto, le statistiche ci informano che l’inclusione in ambito formativo, lavorativo e sociale delle persone con disabilità rimane un obiettivo ancora da raggiungere. Qual è allora l’effetto che si è ottenuto con questo cambiamento normativo? Le leggi sono uno strumento capace di cambiare la cultura e i costumi dei cittadini di un paese? E in che modo è possibile misurare questo cambiamento? Il volume si propone di rispondere a queste domande trattando il tema dell’integrazione e del cambiamento culturale avvenuto in seguito alla promulgazione delle leggi in Italia e in Francia, attraverso un approccio teorico interdisciplinare e lo sviluppo di una metodologia di ricerca sociale capace di analizzare il cambiamento culturale. L’autrice propone una lettura del quadro attuale della disabilità e della sua evoluzione attraverso l’analisi del contesto culturale, sociale, sanitario e normativo e mette in evidenza come negli ultimi venti anni la società si sia fortemente evoluta nel modo di considerare la disabilità, spostando il focus dal deficit alle risorse. Questo cambiamento di prospettiva guarda al processo d’integrazione delle persone con disabilità come a un elemento capace di promuovere l’innovazione e lo sviluppo della società e delle prassi formative e lavorative, facilitando la promozione del benessere e delle buone prassi organizzative.  In questo senso il volume, se da un lato propone strumenti teorici e metodologici per esperti del settore e studenti in formazione, dall’altro offre utili spunti di riflessione per tutti coloro che nella propria esperienza personale si siano confrontati con la disabilità di un conoscente, un amico o una persona cara, e siano interessati a sviluppare un modo diverso di guardare all’integrazione. 
 
 

Download