Laboratorio di Tecnologie Assistive

Il Direttore comunica che è pervenuta da parte del Dott. Franco Lucchese la proposta di attivazione del Servizio di tecnologie assistive per l’inclusione e cede in proposito la parola al collega dott. Lucchese, il quale riferisce di aver registrato richieste da parte di scuole, insegnanti, operatori del settore e persone interessate, ritenendo che il Servizio “TECNOLOGIE ASSISTIVE PER l’INCLUSIONE” possa portare al Dipartimento risorse in termini di attività conto terzi, nell’ottica della terza missione del nostro Ateneo, nonché occasione di formazione professionalizzante e un contatto continuo con le tematiche e le esigenze che emergono dal territorio. Informa altresì di aver avuto modo di parlare della sua proposta con il Pro-Rettore Prof.ssa Tiziana Pascucci, in relazione alle richieste del Magnifico Rettore di apertura di attività formative in questo ambito, con la Direzione Sanitaria dell’Istituto Sant’Alessio per i Ciechi, con Dirigenti MIUR (Ciambrone, Fusacchia, Caturano) e con Dirigenti scolastici (Marini), ricevendo tutti pareri positivi. Aggiunge inoltre che, l’Istituto di Tecnologie Didattiche del CNR di Genova, rappresentanti di DigitPA, esperti e docenti che operano anche a livello internazionale si sono dimostrati disponibili a far parte del gruppo di studio/ricerca collegato alle attività in programma. Il Dott. Lucchese comunica che il Servizio sarà dotato di una piattaforma didattica per la formazione a distanza e di un sito ad hoc per la diffusione delle informazioni e illustra nel dettaglio le attività proposte dal Servizio che vengono di seguito elencate: 

Ø  Valutazione e monitoraggio di ausili per la didattica speciale;

Ø  Attività di Formazione per insegnanti e operatori; Consulenza a istituzioni o singoli (*);

Ø  Attività di ricerca strettamente correlata alle attività specifiche.

(*)           Formazione di personale sulle Tecnologie Assistive;

                Assistenza all’uso delle tecnologie in ambito didattico;

                Metodi didattici per l’inclusione;

                Sperimentazione di metodologie didattiche avanzate.            

Riferisce infine, per quanto riguarda l’utenza, che i servizi individuali potranno essere usufruiti da studenti, insegnanti, genitori, operatori del settore, secondo un tariffario stabilito dal Dipartimento di Psicologia Dinamica e Clinica.

 

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma