MASTER IN COMUNICAZIONE DEI BENI CULTURALI

Master di I livello codice identificativo 29062  

Scadenza per la presentazione della domanda di ammissione: 15 gennaio 2019
Vai al Bando unico a.a. 2018-2019 dei Master Sapienza Università di Roma
https://www.uniroma1.it/it/pagina/master

Quota di iscrizione

La quota d’iscrizione è di 2.500,00 euro da pagare in due rate da € 1.250,00 ognuna 

Borse di studio

Il Distretto tecnologico per i beni e le attività culturali del Lazio (DTC Lazio) mette a disposizione 8 borse di studio così suddivise: due da € 2.500,00, due da € 2.000,00 e quattro da € 1.700,00.
Il Master mette poi a disposizione altre 4 borse di studio da € 1.000 ognuna.
Le 12 borse di studio disponibili per l’a.a. 2018/2019 sono a rimborso totale o parziale della quota di iscrizione e saranno assegnate seguendo l’ordine della graduatoria di accesso al Corso, ovvero sulla base della valutazione dei titoli allegati alla domanda.


FINALITÀ

Il Master in Comunicazione dei Beni Culturali McBE.C  è finalizzato all’acquisizione e/o al consolidamento di conoscenze, abilità e competenze tecnico-professionali per gestire eventi e progettare servizi e prodotti visuali cross-mediali per la comunicazione e fruizione avanzata di contenuti sui Beni Culturali (materiali e immateriali), sviluppando una padronanza del linguaggio visuale, veicolo per una comunicazione accessibile, partecipata, coinvolgente ed inclusiva.
Il Master, inserito da quest’anno nel Centro di eccellenza del Distretto tecnologico per i beni e le attività culturali del Lazio (DTC Lazio), è rivolto a soggetti interessati a sviluppare una concreta professionalità nel campo della comunicazione dei Beni Culturali, nella gestione delle strategie e dei progetti di comunicazione, così da essere operativi nel campo editoriale, nella grafica web, nel settore video e in quello della multimedialità applicata ad eventi ed ambientazioni comunicative dei Beni Culturali.
Il percorso formativo interdisciplinare è orientato all’approfondimento delle relazioni tra “immagini e parole” indispensabile ad una comunicazione efficace attraverso le tecniche dello storytelling applicate ai linguaggi visuali innovati dai nuovi media e dalle tecnologie digitali. 
Per l’acquisizione delle competenze trasversali il metodo formativo adottato è la “pratica del progetto” che consente di esercitare la creatività e il pensiero critico, di affinare le capacità del lavoro di gruppo, di sperimentare pragmaticamente tecniche e metodi di problem-solving e decision-making, ma soprattutto creatività e imprenditorialità reinterpretando i Beni Culturali attraverso le nuove tecnologie. 
La formazione d’aula e di laboratorio è articolata in 10 Moduli che, sotto la responsabilità dei docenti del Consiglio Didattico Scientifico, sono arricchiti da un fitto calendario di incontri con professionisti, aziende e rappresentanti delle istituzioni, con esperti del mercato del lavoro di riferimento ed esperti di management. La formazione è poi completata dallo stage, occasione per verificare quanto acquisito nell’interazione con il mondo del lavoro e di affinare ulteriormente le competenze trasversali.


IL PERCORSO FORMATIVO IN BREVE

Moduli da 1 a 4. La comunicazione visiva e i modi della comunicazione per i Beni Culturali
Argomenti ed obiettivi: inquadramento teorico-critico attraverso casi studio delle specificità del linguaggio visuale tra comunicazione, narrazione, storytelling, interazione e immersività; dell’oggetto della comunicazione (il Bene Culturale) nelle relazioni con il medium (spazio reale o digitale), la durata (permanente o temporanea), le tipologie di luoghi (musei contenitori e musei virtuali, siti archeologici e architetture monumentali, spazio urbano e musei diffusi) e l’efficacia del progetto di comunicazione nel breve, medio e lungo periodo. 

Moduli da 5 a 8. Strumenti e metodi per la comunicazione dei Beni Culturali
Argomenti ed obiettivi: competenze tecnico-procedurali per acquisire, elaborare e trattare: immagini statiche e immagini in movimento per diversi prodotti visuali (grafica, tipografia, editoria, fotografia, virtual tour e video) e supporti fisici o device multimediali, fruibili on-site e off-site, on-line e off-line; dati digitali tridimensionali metrici e qualitativi con dispositivi professionali e consumer; immagini statiche, immagini in movimento e dati digitali tridimensionali in relazione alle interazioni con lo spazio reale e quello virtuale (virtual reality, augmented reality, mixed reality, livelli di immersività e gradi di interattività).  

Moduli 9 e 10. Il progetto della comunicazione
Argomenti ed obiettivi: integrazione delle conoscenze, abilità e competenze attraverso il progetto di prodotti visuali cross-mediali per la comunicazione e fruizione avanzata di contenuti sui Beni Culturali coerenti con le più innovative strategie di promozione e comunicazione rese possibili dai nuovi media e dalle tecnologie digitali. 

Stage e altre attività
Lo stage (facoltativo) si svolgerà presso istituzioni, aziende, studi professionali, ecc. impegnate nel settore della Comunicazione dei Beni Culturali concordate dal Direttore del Master con lo studente. In alternativa allo stage sarà possibile integrare la formazione con la frequenza di convegni, seminari, giornate di studio, visite a siti culturali, aziende, studi professionali ecc., coerenti con le finalità del Master. 

Prova finale 
La prova finale consiste nella discussione di un elaborato di tesi, preferibilmente progettuale ma che può anche essere teorico o curriculare, su tematiche coerenti con le finalità del Master.  

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma