F.A.Q. Linee guida per l'accessibilità

Tutti gli elementi non testuali, come immagini, grafici, infografiche, video e audio, devono avere un’alternativa testuale equivalente quando veicolano un significato, un’informazione o una funzione, come ad esempio il testo presente in un banner o in un bottone. Fare attenzione soprattutto ai controlli di verifica antispam (es. CAPTCHA.)

L'attributo "alt" fornisce un testo alternativo alle immagini presenti all'interno di una pagina web. Mediante tale testo alternativo, il redattore descrive il contenuto dell'immagine e/o la sua funzione nel contesto della pagina, al fine di favorire l'accessibilità della pagina web. Garantire l'accessibilità della pagina, inoltre, rappresenta un elemento importante in ottica SEO: i motori di ricerca, infatti, prestano attenzione a questo elemento per comprendere la portata dell'immagine nel contesto del documento e, di conseguenza, per valutare il contenuto della pagina nel suo complesso.

  • Utilizzare un buon contrasto di colore: il contrasto tra il colore del testo e lo sfondo deve essere almeno pari al rapporto 4,5:1 (rapporto indicato dalle Linee guida per l'accessibilità dei contenuti web, WCAG 2.0). Per effettuare la verifica è possibile scaricare e utilizzare uno strumento in inglese sul contrasto colore. Si consiglia di evitare di inserire il testo utilizzando colori con poco contrasto rispetto allo sfondo (per esempio, evitare il testo giallo/arancione su sfondo bianco).
  • Non utilizzare il colore o la forma come unico modo per identificare qualcosa nel documento ed utilizzare descrizioni quando necessario.

Di seguito alcuni strumenti open source per poter effettuare alcuni test di accessibilità:

 

Sì, per ogni sito web e applicazione si necessita di una dichiarazione di accessibilità.
Per ulteriori approfondimenti si può consultare la pagina delle domande frequenti in tema di accessibilità, pubblicata da AGID.

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma