Anno: 
2017
Titolo del Progetto: 
La costruzione delle reti europee nel 'lungo' Settecento: figure della diplomazia e comunicazione letteraria
Tipologia: 
PRIN
Responsabile: 
TATTI Silvia
Altre unità operative: 
Università di Pisa (F. Fedi), Università degli Studi di Genova (L. Beltrami), Università di Padova (V. Gallo)
Unità operativa Sapienza: 
S. Tatti, B. Alfonzetti, F. Sinopoli, V. Tavazzi

Silvia TATTI (responsabile locale) – F. FEDI (coordinatore scientifico)

Abstract

Il progetto vuole ricostruire il modo in cui lo spazio culturale europeo si andò definendo, nel secolo XVIII, anche attraverso il sistema di relazioni stabilite tra i letterati italiani e le reti diplomatiche. Nel '700 infatti le realtà geo-politiche della Penisola formavano nell’insieme un’area di cruciale interesse, dove gli inviati delle potenze europee intervennero diffusamente, anche promuovendo la circolazione di testi, le traduzioni, l’attività teatrale, la produzione editoriale. I proponenti intendono ampliare una ricerca già avviata su singole figure di diplomatici e sulle strategie di promozione culturale coltivate dalle varie delegazioni. Attraverso lo studio di documenti d’archivio, carteggi, periodici, lo spoglio di cataloghi editoriali e di repertori teatrali si mira a comprendere come incisero nel processo di circolazione delle idee e di costruzione di una cultura cosmopolita i rappresentanti stranieri in Italia e i letterati italiani che, nelle corti europee, ottennero il supporto delle reti diplomatiche. In un'ottica più ampia scopo del progetto è illustrare il ruolo chiave della letteratura nelle dinamiche politiche dell'Antico Regime, anche in funzione di una riconsiderazione delle scansioni storiografiche nel nodo cruciale del passaggio alla modernità.

Importo finanziato: 
€ 520.665,00

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma