Il patrimonio archeologico etrusco tra dispersione e recuperi | Conferenza stampa

Conferenza Stampa dal titolo: "Il patrimonio archeologico etrusco tra dispersione e recuperi", che si terrà martedì 14 novembre alle ore 12.45 presso il Museo delle Antichità etrusche e italiche.
In collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la provincia di Viterbo e per l'Etruria meridionale, è stata inaugurata nel Museo delle Antichità etrusche e italiche la mostra "Caere. Storie di dispersione e di recuperi"
 
La Magnifica Rettrice ha voluto rilanciare la mostra attraverso una conferenza stampa cui sono invitate a partecipare le forze dell'ordine (i Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale e la Guardia di Finanza) che si sono rese responsabili dei sequestri e dei rientri da musei stranieri dei reperti di valore eccezionale attualmente esposti nel nostro museo. Tra questi, spiccano le lastre di terracotta dipinte di produzione etrusca e il grande vaso di Euphronios restituito dal Metropolitan Museum, che abbiamo la responsabilità di custodire e valorizzare grazie a un lungo prestito da parte del MiC (Soprintendenza Etruria meridionale).
 
Il giorno scelto è il 14 novembre nel quale si celebrerà la giornata internazionale contro il traffico illecito di beni culturali indetta dall'UNESCO a partire dal 2020 (https://www.unesco.it/it/News/Detail/919)
L'intento, d'intesa con la Soprintendenza, è quello di dedicare un incontro al tema "Il patrimonio archeologico etrusco tra dispersione e recuperi" allo scopo di valorizzare il progetto sul recupero del patrimonio archeologico disperso che il settore di Etruscologia del Dipartimento di Scienze dell'Antichità sta portando avanti con altre università, enti di ricerca e istituzioni museali italiane e straniere.

 

Download: 

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma