Chi siamo

Le origini della Scuola di Ingegneria Aerospaziale risalgono al 1926 anno in cui venne istituita la Scuola di Ingegneria Aeronautica presso l’Università di Roma; negli anni 1930 e 1940 la Scuola divenne un'istituzione di importanza mondiale in campo aeronautico con l'ottenimento di importanti risultati di ricerca e tecnologici.

Dagli anni 1960 le attività della Scuola iniziarono a concentrarsi maggiormente nel campo spaziale, e nel 1963 prese l'attuale nome di Scuola di Ingegneria Aerospaziale. Professori e tecnici della Scuola hanno progettato e realizzato i satelliti della serie San Marco. Grazie al lancio del primo satellite della serie, nel 1964 l’Italia è diventata la terza nazione al mondo, dopo Stati Uniti e Unione Sovietica, a immettere in orbita un proprio satellite. Nel 1962 la Scuola ha creato una piattaforma di lancio nei pressi di Malindi in Kenya, che è stata usata fino al 1988 senza riportare alcun fallimento nei lanci.
Nel 1997 la Scuola ha avviato un programma d’istruzione chiamato UniSat, che consisteva nel far progettare e realizzare satelliti da studenti della Scuola; i satelliti UniSat sono stati lanciati nello spazio da razzi russo-ucraini chiamati Dniepr ogni due anni che corrisponde alla durata del corso di studi offerto dalla Scuola. Grazie alla serie UniSat e ad altri satelliti più recenti realizzati dalla Scuola che si chiamano EdusatLares e TigriSat, la Scuola è diventata un’istituzione “bandiera” a livello mondiale in campo spaziale.

            

                            
                                           

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma