Chi siamo

La Suola di Ingegneria Aerospaziale si presenta:

watch the video 2020

watch the video 2018

 

Le origini della Scuola di Ingegneria Aerospaziale risalgono al 1926 anno in cui venne istituita la Scuola di Ingegneria Aeronautica presso l’Università di Roma; negli anni 1930 e 1940 la Scuola divenne un'istituzione di importanza mondiale in campo aeronautico con l'ottenimento di importanti risultati di ricerca e tecnologici.

Dagli anni 1960 le attività della Scuola iniziarono a concentrarsi maggiormente nel campo spaziale, e nel 1963 prese l'attuale nome di Scuola di Ingegneria Aerospaziale. Professori e tecnici della Scuola hanno progettato e realizzato i satelliti della serie San Marco. Grazie al lancio del primo satellite della serie, nel 1964 l’Italia è diventata la terza nazione al mondo, dopo Stati Uniti e Unione Sovietica, a immettere in orbita un proprio satellite. Nel 1962 la Scuola ha creato una piattaforma di lancio nei pressi di Malindi in Kenya, che è stata usata fino al 1988 senza riportare alcun fallimento nei lanci.
Nel 1997 la Scuola ha avviato un programma d’istruzione chiamato UniSat, che consisteva nel far progettare e realizzare satelliti da studenti della Scuola; i satelliti UniSat sono stati lanciati nello spazio da razzi russo-ucraini chiamati Dniepr ogni due anni che corrisponde alla durata del corso di studi offerto dalla Scuola. Grazie alla serie UniSat e ad altri satelliti più recenti realizzati dalla Scuola che si chiamano EdusatLares e TigriSat, la Scuola è diventata un’istituzione “bandiera” a livello mondiale in campo spaziale.

            

                            
                                           

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma