PROGRAMMA ERASMUS

ERASMUS+ AL DISSE

Il Personale di riferimento
Il Responsabile Accademico di Mobilità (RAM)
Per le informazioni di carattere strettamente didattico, inerenti in particolare alla formulazione dei piani di studio per l’estero ed eventuali richieste di chiarimenti sul sistema di riconoscimento degli esami effettuati o da effettuarsi presso le Università partners, è possibile rivolgersi al Responsabile Accademico della Mobilità  Erasmus di Facoltà – Area Sociologia (RAM) Prof. Antimo L. Farro
Mobilità Erasmus di Facoltà – Area Economica (RAM)
Prof.ssa Ornella Tarola

Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche Stanza n. 127– I piano Via Salaria 113 - 00198 Roma Tel: 0039 06 49918373

E' possibile concordare un appuntamento per il ricevimento scrivendo una email all'indirizzo di posta elettronica: ornella.tarola@uniroma1.it / antimoluigi.farro@uniroma1.it

Il Responsabile Amministrativo Erasmus di Facoltà (RAEF)
Per tutte le informazioni inerenti gli aspetti amministrativi del programma Erasmus (il bando, la domanda, la partenza dei vincitori, l’accoglienza degli studenti stranieri, ecc.) e per quanto riguarda il coordinamento degli studenti che collaborano con l’Ufficio Erasmus, è possibile rivolgersi a:

Flavia Orlandi (RAEF)
E-mail: erasmus.disse@uniroma1.it / flavia.orlandi@uniroma1.it

Ricevimento studenti previo appuntamento:
Martedì e mercoledì, dalle ore 10:00 alle ore 12:00
Giovedì dalle ore 14:00 alle ore 15.30
stanza 127 primo piano, Via Salaria, 113 - 00198 Roma

Il Settore Erasmus dell'area per l'Internazionalizzazione
Nel periodo successivo alla vincita della borsa Erasmus, il punto di riferimento per tutte le informazioni di carattere burocratico-amministrativo e per quelle inerenti il contributo economico, è il Settore Programmi Internazionali www.uniroma1.it/it/pagina/erasmus-studenti-sapienza-studio

Tutti gli studenti Erasmus sono assicurati contro gli infortuni. Per fruire dell’assistenza sanitaria all’estero, gli studenti Erasmus ricevono dalla propria ASL di appartenenza il modello E111 (E128).

Cos’è ERASMUS

Erasmo da Rotterdam, celebre umanista del 500 e viaggiatore senza tregua, ha ispirato il nome del programma avviato nel giugno 1987.

L’idea di fondo del progetto è quella di educare le nuove generazioni all’idea di appartenenza ad una comunità più vasta di quella nazionale ed offrire la possibilità di socializzazione e confronto tra culture diverse.

Ai partecipanti si offrono inoltre positive prospettive per il futuro: risulta infatti da uno studio, condotto dall’Osservatorio statistico dell’Università di Bologna, che gli ex studenti Erasmus impiegano meno tempo per trovare il primo lavoro dopo la laurea.

Il programma Erasmus+

Dal 1 gennaio 2014 è entrato in vigore il programma Erasmus+, il nuovo programma per l'istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport, che integra i 7 programmi precedent: Lifelong Learning Programme (Erasmus, Leonardo da Vinci, Comenius and Grundtvig), Youth in Action, Erasmus Mundus, Tempus, Alfa, Edulink, ICI.
Il Programma Erasmus+ 2014-2020 è gestito dalla Commissione europea, DG Istruzione e Cultura, in cooperazione con gli Stati Membri (i 28 Stati dell'Unione europea, i paesi EFTA/SEE: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, i paesi candidati all'adesione all'UE: la Turchia, l'ex Repubblica iugoslava di Macedonia ) con l’assistenza dell’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura e delle Agenzie nazionali dei diversi paesi partecipanti.

Erasmus+ Mobilità individuale per motivi di studio

Il programma Erasmus+ è il nuovo programma europeo (https://www.uniroma1.it/it/pagina/erasmus-0) che promuove la “Mobilità individuale per l’apprendimento” (Key Action 1). Erasmus+ offre agli studenti la possibilità di studiare e/o ricevere una formazione presso una Università europea partecipante al Programma, fino a 12 mesi nell'ambito di ogni ciclo di studio (laurea, laurea magistrale e dottorato di ricerca/scuole di specializzazione). L’esperienza può essere realizzata a prescindere dal tipo di mobilità (studio o tirocinio) e dal numero dei periodi di mobilità (ad esempio, 2 periodi di 6 mesi o 3 periodi di 4 mesi) senza costi aggiuntivi di iscrizione, ottenendo il riconoscimento dell’attività formativa svolta. I dettagli specifici sui requisiti per fruire di una mobilità per studio Erasmus+ saranno indicati nel bando che, per l’area sociologica / economica della Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione, pubblica solitamente intorno alla fine di gennaio di ogni anno accademico.

Erasmus+ Mobilità individuale per motivi di tirocinio

Con il nuovo programma Erasmus+ viene data la possibilità di candidarsi come laureandi per poi effettuare l'esperienza di tirocinio entro un anno dalla laurea (da calcolare nei 12 mesi complessivi di ciclo). Gli studenti interessati a quest'ultima opportunità dovranno concorrere al futuro bando Erasmus+ per tirocinio che sarà pubblicato alla pagina dell’Area internazionale della Sapienza.

La scelta della destinazione

Bisogna individuare tra le Università Partner (elencate sul bando), quelle che hanno un’offerta formativa adatta: insegnamenti erogati, livello di studi (triennale = liv. 1, magistrale = liv. 2, dottorato = liv.3), ed area di studi, devono corrispondere ai propri. Poiché la scelta della sede deve avere una motivazione didattica, si deve verificare che l’offerta formativa straniera sia compatibile con gli esami da sostenere del proprio percorso formativo, e che sia erogata in una lingua conosciuta, secondo i requisiti linguistici del Partner. Siccome a livello europeo non esiste una perfetta corrispondenza tra gli esami, bisogna individuare ed indicare nel piano di studi da svolgere all’estero, insegnamenti congruenti sulla base di 2 elementi:

  • epigrafe (titolo dell’esame e relativi contenuti, ove disponibili),
  • numero di crediti (1 CFU dell’esame italiano = 1 ECTS dell’esame straniero).

Pertanto, per trovare corrispondenza con un esame italiano, potrebbe essere necessario indicare nel piano di studi 2 esami stranieri che complessivamente siano compatibili tematicamente con l’esame italiano, ed il cui numero di ECTS copra o superi il numero di CFU dell’esame italiano. Gli eventuali ECTS degli esami stranieri in eccesso rispetto ai CFU dell’esame italiano, non sempre potranno essere utilizzati. Gli esami così individuati, dovranno poi essere tutti superati per ottenere la convalida del corrispondente esame italiano. Quanto detto vale anche per gli esami “a scelta “degli studenti iscritti a corsi di Laurea dell’ordinamento. 270/2004.
In generale, si raccomanda di formulare un piano di studi all’estero corrispondente ad esami italiani per circa 30 CFU.
Per scegliere la sede ti consigliamo di valutare anche la possibilità di trovare un alloggio e il costo della vita della città di destinazione, informazioni che di solito sono presenti sulla pagina Erasmus+ Incoming delle università straniere.

Le Università partner sono disponibili nel seguito
Dopo la chiusura del bando si svolgono le procedure selettive per individuare i vincitori delle sedi selezionate.

Gli studenti che risultano vincitori devono accettare la mobilità nei termini e modi indicati sul bando. Per gli studenti vincitori diverrà disponibile una “pagina personale Erasmus“, che va compilata nei modi e termini che vengono comunicati. In particolare lo studente dovrà indicare la data di partenza. Questa va calcolata tenendo presente: data inizio lezioni, eventuali giornate di accoglienza organizzate dall’Università Partner, eventuali corsi di lingua per studenti Erasmus/stranieri offerti dall’Università Partner. La reale data di partenza potrà poi effettivamente differire di 1 o 2 settimane al massimo da quella indicata sulla pagina personale e sui documenti di mobilità. Le partenze saranno o sul primo semestre (Settembre/Ottobre dell’anno solare in cui si è presentata la candidatura) o sul secondo semestre (Febbraio/ Marzo dell’anno solare seguente a quello in cui si è presentata la candidatura).
Alcuni accordi prevedono mobilità di un solo semestre (salvo eventuale prolungamento), in questi casi è necessario essere ben sicuri che, nel semestre scelto, l’Università ospitante eroghi la didattica di proprio interesse, tale scelta non deve essere fatta per accordi che prevedono scambi della durata di 9/10.

Il Bando ERASMUS+

Per partecipare al programma Erasmus + per studio si deve presentare la candidatura al bando annuale. Gli studenti iscritti ad un corso di Laurea triennale o magistrale o ad un corso di Dottorato del Dipartimento Disse, devono rispondere al bando “Area Sociologica“.
E’ infatti impossibile presentare la candidatura per un bando relativo ad altro Dipartimento o Facoltà. Il bando viene pubblicato sul sito di trasparenza di Ateneo, e nelle news Erasmus del sito Disse. Il bando costituisce la fonte primaria che disciplina la selezione e il documento informativo più importante messo a disposizione dei candidati. Va quindi letto e studiato con grande attenzione.

In caso di dubbi interpretativi potete rivolgervi all’Ufficio Erasmus del Dipartimento:
erasmus.disse@uniroma1.it Sul bando è presente un link al form per la candidatura on line. Il form va compilato in ogni sua parte, tenendo conto delle regole e informazioni contenute nel bando, e quindi inviato entro il termine di scadenza del bando.
Fino alla scadenza del bando è possibile chiedere la riapertura della candidatura per apportare modifiche scrivendo all’Ufficio Erasmus del Dipartimento erasmus.disse@uniroma1.it Solitamente, a causa dell’elevato numero di accessi alla piattaforma negli ultimi giorni prima della scadenza dei termini si riscontrano difficoltà nell’invio delle candidature.
Si consiglia pertanto di concludere la procedura in anticipo rispetto alla data di chiusura del bando.  
Nella candidatura vanno indicate le sedi per le quali si intende concorrere. Al termine della selezione, vengono pubblicate le graduatorie: provvisoria e definitiva

Requisiti linguistici

Per partecipare al bando Erasmus+ è necessario possedere una competenza minima di livello A2 (Quadro Comune di Riferimento per la conoscenza delle lingue (CEFR) riconosciuta dal Consiglio d’Europa https://www.coe.int/en/web/common-european-framework-reference-languages) relativamente alla lingua di erogazione della didattica della sede scelta. Tale competenza verrà accertata tramite un test di lingua presso il Centro Linguistico di Ateneo (CLA) prima che lo studente completi la candidatura online al bando. È necessario prenotarsi per il test in una delle date indicate nel bando (presente al seguente link https://web.uniroma1.it/disse/erasmus).
Si può essere esonerati dal test se in possesso di uno dei requisiti indicati dal bando, che certificano la competenza linguistica pari o superiore al livello A2. La documentazione relativa all’esonero va caricata nella candidatura online.
Oltre a questo requisito minimo, ogni sede ha dei requisiti linguistici specifici, indicati nel bando e di cui gli studenti sono esortati a informarsi anche autonomamente. Se il livello di lingua richiesto dalla sede per cui lo studente intende candidarsi è superiore al livello minimo A2, lo studente può essere esonerato dal test CLA solo nel caso in cui la documentazione per l’esonero certifichi una competenza pari o superiore a quella richiesta dalla sede ospitante. In caso contrario lo studente dovrà comunque sottoporsi al test.
Per esempio: se lo studente è in possesso di un certificato di lingua B1, quindi superiore al livello minimo A2 richiesto per accedere al bando, ma l’Università per cui si intende candidare richiede un livello di lingua pari a B2, lo studente dovrà comunque svolgere il test.
La competenza linguistica, certificata tramite il test di lingua del CLA o tramite la documentazione di esonero, viene valutata nella stesura delle graduatorie.
Se il livello attestato dal test del CLA o dalle certificazioni ufficiali possedute è inferiore a quello richiesto dall’Università ospitante, lo studente può comunque rientrare in graduatoria ma dovrà attrezzarsi per raggiungere il livello richiesto con mezzi propri o seguendo i corsi di lingua gratuiti del CLA, organizzati nel semestre precedente alla partenza e di cui è obbligatoria la frequenza per poter ottenere l’attestato di lingua.
Attenzione: spesso nelle procedure di application per l’Università ospitante (che si svolgono nel semestre precedente a quello di partenza) viene richiesto di caricare una certificazione del livello richiesto. Vanno quindi tenute presenti le scadenze definite dall’Università ospitante per ottenere questa certificazione. Se lo studente potrà ottenere tale certificazione solo dopo le scadenze dovrà mettersi in comunicazione con l’Università ospitante per chiedere di poter essere accettato ugualmente in via eccezionale. La decisione finale di accettare o meno lo studente spetta all’Università ospitante.
Nota bene: alcune università indicano il livello di lingua come raccomandato e non obbligatorio. Questo vuol dire che l’Università ospitante non richiederà un attestato che certifichi la conoscenza linguistica posseduta e dunque lo studente potrà essere accettato anche se non è in possesso delle conoscenze linguistiche adeguate. Tuttavia il livello di conoscenza della lingua non va mai sottovalutato in quanto indispensabile alla fruizione della didattica.

LE PROCEDURE DA SEGUIRE, PASSO PASSO

Per partecipare al bando ERASMUS+

  1. Per scegliere la tua destinazione. Prima della pubblicazione del Bando Erasmus+, cerca tra le Università Partner quelle che hanno un’offerta formativa adatta: insegnamenti erogati, livello di studi (triennale = liv. 1, magistrale = liv. 2, dottorato = liv.3), ed area di studi, corrispondenti ai tuoi. Poiché la scelta della sede deve avere una motivazione didattica, verifica che:
    -    l’offerta formativa straniera sia compatibile con gli esami del tuo percorso formativo ancora da sostenere
    -    L’offerta formativa straniera sia in una lingua che conosci in modo sufficiente a seguire le lezioni e a sostenere gli esami.
    -    Verifica inoltre gli eventuali requisiti linguistici richiesti (certificati di lingua di un determinato livello).
    Poiché a livello europeo non esiste una perfetta corrispondenza tra gli esami, devi individuare ed indicare nel piano di studi che intendi svolgere all’estero o Learning Agreement (vedi il punto 11), insegnamenti congruenti sulla base di 2 elementi:
    -    epigrafe (titolo dell’esame e relativi contenuti, ove disponibili),
    -    numero di crediti (1 CFU dell’esame italiano = 1 ECTS dell’esame straniero).
    Pertanto, per trovare corrispondenza con un esame italiano, potrebbe essere necessario indicare nel piano di studi più esami stranieri (ad esempio per trovare corrispondenza con un esame italiano da 9 CFU, lo studente potrebbe dover individuare e superare 2 o più esami stranieri, che complessivamente siano compatibili tematicamente con l’esame italiano, ed il cui numero di ECTS copra o superi il numero di CFU dell’esame italiano). Gli eventuali ECTS degli esami stranieri in eccesso rispetto ai CFU dell’esame italiano, non sempre potranno essere utilizzati.
    Gli esami così individuati, dovranno poi essere tutti superati per ottenere la convalida del corrispondente esame italiano. Quanto detto vale anche per gli esami “a scelta” degli studenti iscritti a corsi di Laurea dell’ordinamento 270/2004. In generale, ti raccomandiamo di formulare un piano di studi all’estero corrispondente ad esami italiani per circa 30 CFU e di ridurre l’eventuale differenza tra CFU italiani e ECTS ottenuti all’estero al minimo.
    Per scegliere la sede ti consigliamo di valutare anche la possibilità di trovare un alloggio e il costo della vita della città di destinazione, informazioni che di solito sono presenti sulla pagina Erasmus+ Incoming delle università straniere. Per le università partner (vedi nel seguito)
  2. Dopo la pubblicazione del bando e l'apertura della candidatura online, presenta la tua candidatura, selezionando il bando corretto: Facoltà Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione – AREA SOCIOLOGICA / AREA ECONOMICA, (seleziona la sede disponibile in base al livello di studi corrispondente al tuo);
  3. Studia attentamente il bando, che costituisce la “legge” della procedura selettiva;
  4. Compila la domanda inserendo tutti i dati ed i documenti richiesti;
  5. Se non possiedi una certificazione di lingua e hai quindi proceduto ad un’autocertificazione, verrai sottoposto al test di lingua del Centro Lingusitico di Ateneo (CLA), con cui verrà valutata l’effettiva competenza autocertificata. Sulla base dei risultati verranno stilate le graduatorie.
  6. Attendi la pubblicazione online delle graduatorie;
  7. Qualora risultassi vincitore di una sede, devi accettare la borsa dalla tua pagina personale e comunicare all’Ufficio Erasmus Disse il semestre in cui intendi partire.

Prima di partire

  1. Completa la pagina personale Erasmus inserendo il tuo codice IBAN, e la data di partenza probabile, calcolata tenendo presente: data inizio lezioni, eventuali giornate di accoglienza organizzate dall’Università Partner, eventuali corsi di lingua per studenti Erasmus/stranieri offerti dall’Università Partner.
    L’effettiva data di partenza potrà poi effettivamente differire di 1 o 2 settimane al massimo;
  2. L’Ufficio Erasmus Disse provvederà a nominarti come studente Erasmus+ presso l’Università Partner;
  3. Compila il Learning Agreement dalla tua pagina personale con i corsi scelti, preferibilmente dopo aver già consultato la Prof.ssa Ornella Tarola (AREA ECONOMICA) o il Prof. Antimo L. Farro (AREA SOCIOLOGICA). Invialo per l’approvazione digitale dei RAM. Dopo l’approvazione, firmalo e mandalo all’Università Partner per ottenere la loro firma e timbro. Poi caricalo sulla tua pagina personale (se non è possibile prima di partire, acquisisci la firma dell’Università Partner appena arrivato a destinazione);
  4. Esegui le procedure di Application previste dall’’Università Partner che ti contatterà fornendoti informazioni ed istruzioni secondo le modalità da questa stabilite. Cura di rispettare le deadlines assegnate. L’Ufficio Erasmus Disse fornirà i documenti ed il supporto eventualmente necessari;
  5. Dopo aver inserito la data di partenza e aver ottenuto l’approvazione del LA, potrai stampare il Contratto Finanziario dalla tua pagina personale, contenente tutte le informazioni sull’erogazione dei contributi. Firmalo e caricalo sulla pagina personale;
  6. Segui le istruzioni relative al test di lingua del Supporto Linguistico On-line (OLS). Ti verrà inviata una mail con il link e le credenziali per accedere al test preliminare. Con questo test verrà valutato il livello di lingua in cui seguirai le lezioni all’estero e, se otterrai un livello pari o inferiore a B1, dovrai svolgere il corso di lingua online offerto da OLS. Il risultato del test non incide sulla possibilità di partire. Il test preliminare e quello dopo il rientro sono obbligatori ai fini della corresponsione dei contributi e vanno compilati entro le scadenze indicate nella mail che riceverai.
    Per le questioni relative alla piattaforma OLS, contatta olsapienza@uniroma1.it ;
  7. Vai all’incontro fissato dal Settore Erasmus (smout@uniroma1.it), di cui sarai informato via email, per ricevere le ultime informazioni prima della partenza.

Durante la permanenza

  1. Giunto a destinazione, fai subito registrare il tuo arrivo presso l’ufficio Erasmus dell’Università Partner, facendo firmare la Dichiarazione di Arrivo disponibile sulla pagina personale ed inviala subito al Settore Erasmus (smout@uniroma1.it). I contributi potranno essere erogati solo dopo l’invio della dichiarazione (tempo di attesa per la prima tranche dei contributi di circa 30 giorni);
  2. Se non hai già fatto firmare dall’Università Partner e caricato tramite la pagina personale il Learning Agreement (punto n.10), provvedi immediatamente al tuo arrivo;
  3. Se hai necessità di modificare il Learning Agreement (perché l’orario delle lezioni si sovrappone, i corsi non sono più erogati, non sono attinenti al tuo percorso di studi o non sono di tuo interesse ecc.) puoi usare il Change Form, disponibile sulla tua pagina personale esclusivamente dopo la registrazione del tuo arrivo da parte del Settore Erasmus ed il caricamento e convalida del Learning Agreement. Invialo al RAM per l’approvazione. Una volta approvato firma il Change Form, fallo firmare e timbrare dall’Università Partner e caricalo sulla tua pagina personale;
  4. Se hai necessità di prolungare la tua permanenza per motivi didattici devi inviare alla Prof.ssa Ornella Tarola e al Prof. Antimo L. Farro un prospetto con un piano di studi all’estero, che si aggiunga a quello originario, e che giustifichi il prolungamento della permanenza. Acquisito il parere favorevole del RAM, e verificata la disponibilità dell’Università Partner ad ospitarti oltre la durata della permanenza inizialmente programmata, puoi usare il Modulo di Prolungamento (disponibile sulla tua pagina personale, dopo aver modificato la data di rientro). Firma il modulo e fallo firmare e timbrare dall’Università Partner e poi invialo all’Ufficio Erasmus Disse.
    La richiesta di prolungamento deve essere effettuata entro e non oltre un mese prima della data di rientro prevista.

Prima del rientro in Italia

  1. Prima della partenza, stampa il Certificato di Frequenza (Certificate of attendance) e inserisci:
    -    data di arrivo corrispondente a quella indicata nella dichiarazione di arrivo
    -    data di fine mobilità (end date), che generalmente dovrebbe corrispondere alla data dell’ultimo esame sostenuto nell’Università Partner
    -    fai firmare dall’Università Partner, che dovrà inserire la data di emissione del documento (date of issue). Questa data non deve essere MAI anteriore alla end date, ma solo uguale o maggiore di 2-3 giorni
    -    Il certificato deve essere originale e non riportare correzioni. In caso di errori fallo ricompilare
  2. Richiedi il Transcript of Records (TOR), dove sono registrati i voti degli esami svolti all’estero. Se non è possibile il ritiro a mano di detti documenti, falli inviare per e-mail (preferibilmente) o per posta (se non è possibile altrimenti), all’Ufficio Erasmus Disse (erasmus.disse@uniroma1.it) o al Settore Erasmus (smout@uniroma1.it). Non ci possono essere intermediari (non puoi essere tu a mandarli agli uffici).

Al rientro in Italia

  1. Entro 10 giorni dalla end date consegna il Certificato di Frequenza e il TOR al Settore Erasmus insieme al modulo Consegna Documenti, da stampare dalla pagina personale;
  2. Riceverai una comunicazione via email da smout quando avrà validato e inserito il TOR sulla tua pagina personale; in seguito, come ti verrà indicato, entra sulla tua pagina personale e conferma il T.O.R. inserendo manualmente gli esami da te svolti con relative votazioni e salva le modifiche.
  3. A questo punto inzierà la procedura di conversione e convalida: Il RAM ti farà una proposta di conversione in 30esimi, che puoi decidere se accettare o meno. A quel punto il RAM produrrà e firmerà il Certificato di Convalida, che sarà trasmesso a infostud per la verbalizzazione degli esami.
  4. Quando riceverai l’email da OLS, dovrai svolgere il test di lingua finale, obbligatoriamente ed entro i termini indicati dalla mail. Ricorda: non è importante il risultato del test ma se non lo svolgi potresti dover restituire parte dei contributi comunitari
  5. Sempre con un’email ti verrà inviato il link per compilare il rapporto narrativo EU SURVEY per valutare la tua esperienza Eramus. Anche questo sondaggio va compilato obbligatoriamente.
  6. A questo punto il Settore Erasmus chiuderà la tua pratica.

Il sistema ECTS

Il riconoscimento degli studi effettuati all’estero, nell’ambito della partecipazione al programma di mobilità Erasmus ai fini di studio, avviene tramite il sistema di crediti ECTS (European Credit Tranfer System). Tutte le Università europee che partecipano al programma Erasmus adottano il sistema ECTS come metodo di valutazione degli studi effettuati dagli studenti al di fuori della propria istituzione di appartenenza. Un sistema di crediti è un modo di descrivere un programma di studi attribuendo dei crediti alle sue componenti. La definizione dei crediti nell'istruzione superiore può essere basata su diversi parametri, quali il carico di lavoro per studente, i risultati dell’apprendimento e le ore di contatto. L’ECTS è un sistema europeo di accumulazione e trasferimento dei crediti, incentrato sullo studente e basato sul carico di lavoro richiesto ad uno studente per raggiungere gli obiettivi di un determinato corso di studio. Tali obiettivi vengono preferibilmente espressi in termini di risultati dell’apprendimento e di competenze da acquisire. La ripartizione dei crediti ECTS è basata sulla lunghezza ufficiale di un ciclo di studi. Il carico di lavoro per studente nell’ECTS include il tempo dedicato ad assistere a lezioni e seminari, allo studio autonomo, alla preparazione ed al sostenimento di esami. I crediti sono ripartiti fra tutte le attività didattiche di un programma di studi (quali moduli, corsi, tirocini, relazioni orali, ecc.) e riflettono la quantità di lavoro che ciascuna attività richiede, in relazione alla quantità di lavoro totale richiesta per completare un intero anno di studi nel programma considerato. Per informazioni più dettagliate circa l’applicazione presso la nostra Facoltà del sistema ECTS, si prega di rivolgersi al Responsabile Scientifico Erasmus di Facoltà (Prof.ssa Ornella Tarola/Area Economica – Prof. Antimo Luigi Farro/Area Sociologica).

Università partner per mobilità studenti

Le aree di studio 031, 03. 0312 e 0314 sono di maggior interesse per gli studenti dei seguenti corsi di laurea:

  • Sociologia (L40)
  • Scienze Sociali Applicate (LM-88)

L’ area di studio 0311 è di maggior interesse per gli studenti dei seguenti corsi di laurea:

  • Relazioni Economiche Internazionali (L-33)
  • Analisi economica delle istituzioni internazionali (LM-56)

L’area di studio 0923 è di maggior interesse per gli studenti dei seguenti corsi di laurea:

  • Scienze e tecniche del servizio sociale (L-39)
  • Progettazione, gestione e valutazione dei servizi sociali (LM-87)

ELENCO SEDI CIVIS (pdf)


Mobilità Docenti

Teaching Staff Mobility

Erasmus+ consente di svolgere un periodo di docenza (ciclo di lezioni in aula) presso un Istituto di Istruzione Superiore titolare di Carta Universitaria Erasmus (EUC) a condizione che:

  • la mobilità sia stata formalmente concordata mediante la stipula di uno specifico accordo interistituzionale;  
  • le attività di docenza rientrino nell'ambito della mobilità Erasmus+ annualmente programmata, e finanziata dall'Agenzia Nazionale Erasmus+;
  • venga concordato in anticipo con l'Università partner il programma di lezioni che il docente ospite dovrà tenere.

L'attività di insegnamento all'estero prevede una durata minima di 8 ore di insegnamento per almeno 2 giorni di docenza, da svolgersi nell'arco temporale compreso tra il 1° giugno dell'anno di riferimento ed il 30 settembre dell'anno successivo. Possono svolgere missione di Teaching Staff Mobility i docenti che prestano servizio presso questa Università, appartenenti alle seguenti categorie: ordinari, associati, ricercatori e docenti a contratto. Per questi ultimi, la partecipazione è possibile nel caso in cui il contratto stipulato dagli interessati con la Sapienza copra il futuro periodo di insegnamento e preveda la possibilità di effettuare missioni all’estero. La sovvenzione è assegnata unicamente ai docenti che sono: cittadini di uno Stato membro dell'Unione Europea o di altro Paese partecipante al Programma Erasmus+, oppure, soggetti ufficialmente riconosciuti dall'Italia come profughi, apolidi o residenti permanenti.

Acquisizione dell'incarico di docenza

I docenti che hanno fatto richiesta per svolgere un periodo di insegnamento all'estero, secondo la procedura istituita da questa Università, devono presentarsi al Settore Programmi Internazionali:

  • almeno 30 giorni prima della partenza (40 giorni prima in caso di richiesta di anticipazione) per ottemperare ad alcuni adempimenti (compilazione e sottoscrizione del Modulo di richiesta missione e del Contratto/Accordo di accettazione dell'incarico).
  • entro 5 giorni dal rientro, per consegnare: i documenti giustificativi del viaggio, il Modulo di liquidazione per il rimborso delle spese, la Relazione individuale sull'esperienza di docenza realizzata e l'Attestato rilasciato dall'Università ospitante con l'indicazione delle date esatte dell'attività e delle ore di insegnamento svolte.

Contributi

Il Contributo monetario della Commissione Europea per le spese di viaggio e soggiorno (vitto, alloggio e trasporti locali) nel Paese ospitante gestito dall'Agenzia Nazionale Erasmus+ non copre la totalità dei costi di docenza all'estero. Sono però previste altre sovvenzioni come indicato alle pagine:

La sovvenzione comunitaria non potrà essere utilizzata per finanziare identiche voci di spesa già coperte da altri programmi comunitari/azioni finanziati dalla Commissione Europea o da altri finanziamenti derivanti da accordi culturali bilaterali, enti internazionali, donazioni private. Inoltre i costi relativi ad attività di ricerca sono esclusi dal finanziamento erogato.

Elenco sedi mobilità

Mobilità Studenti
Bando Erasmus+ 2020-2021
  • Scadenza per la compilazione online della domanda di candidatura: 4 marzo 2020 ore 14:00

Facoltà di Scienze politiche, sociologia, comunicazione
Aree Sociologiche, Servizio Sociale e Relazioni economiche internazionali

 
Archivio Bandi
Anno 2019-2020
 

 

Italiano

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma